Margherita di Savoia e la sua Salina offrono un contesto paesaggistico unico in Italia, e con esse tutto il territorio limitrofo, davvero rigoglioso e foriero di stimoli creativi, territorio scelto quest'anno per la V Edizione dell'Apulia Land Art Festival che avrà luogo l'8-9-10 Settembre 2017. In particolare la Salina di Margherita di Savoia è la più grande d’Europa e la seconda al mondo come estensione.

 

Disegnata cosi come appare oggi nel 1754 da Luigi Vanvitelli (lo stesso che disegnò ed edificò, dirigendo i lavori, la Reggia di Caserta), la salina ancora oggi rappresenta una opera ingegneristica, unica nonché una vera monumentale opera di Land Art. Basti pensare che disponendo in lungo le vasche di cui è composta, l’acqua del mare, prima di diventare sale con l’aiuto del sole e del vento, compie un percorso di circa venti chilometri, con l'ausilio della sola pendenza - che dall’inizio alla fine è di circa venti centimetri.


Nel novecento vi fu però una progressiva industrializzazione della Salina che richiese la costruzione di un imponente magazzino per la raccolta del sale, magazzino progettato dal famoso Architetto Pier Luigi Nervi (lo stesso architetto che ha realizzato la Sala Nervi, utilizzata per le udienze Papali) che ideò un avveniristico magazzino realizzato senza la presenza di colonne portanti all’interno dello stesso, una vera e propria rivoluzione per l’epoca. Oggi il sale viene raccolto in salina ogni otto anni, mentre quando la salina era a pieno regime questa operazione veniva svolta ogni anno. Con la scomparsa del “Monopolio di Stato” che ne garantiva il prezzo adeguato, oggi, questo sale sembra aver perso il suo immenso valore che gli valse il soprannome di oro bianco.

 

Divenuta “Area Naturale Protetta” dal 1977, la Salina ospita molte specie di uccelli, tra i quali, il Fenicottero Rosa ed il Cavaliere d’Italia. Quello della Salina di Margherita di Savoia, è uno dei luoghi più suggestivi della Puglia e non solo. Caratteristica principale delle saline di Margherita di Savoia è il suo colore rosso acceso, che evoca il gioco di colore della grande “Spiral Jetty” realizzata da Robert Smithson nel 1970 sul Great Salt Lake, forse l'opera simbolo della Land Art americana. La ragione di ciò è dovuta alla presenza di un microscopico organismo monocellulare di colore rosso perché ricco di carotenoidi (la Dunaliella salina) che in queste concentrazioni saline diventano visibili. Questi organismi inoltre, garantiscono la sopravvivenza di un crostaceo, l'Artemia Salina, di cui sono ghiotti gli uccelli come i fenicotteri, e dai quali ottengono la meravigliosa colorazione del piumaggio che in base all'età e alla dieta dell'esemplare varia da rosa pallido ad arancione sgargiante.

 

Inoltre, nella Salina di Margherita di Savoia, nulla viene sprecato. Una volta prodotto il sale, infatti, l’acqua madre rimasta nel fondo del bacino e i fanghi vengono riutilizzati direttamente dalla Terme di Margherita di Savoia. L'alta concentrazione salina, il contenuto di bromo e di iodio rendono le "acque madri" particolarmente efficaci nella prevenzione e nella cura di diverse patologie ginecologiche, dermatologiche, dell'orecchio, delle vie respiratorie e dell'apparato osteoarticolare. I fanghi, maturati attraverso il contatto prolungato per decenni con le "acque madri" e mineralizzato dalla deposizione dei sali in esso contenuti, sono praticamente inesauribili grazie alla vastissima estensione delle saline.

 

 

Altre info utili sul sito http://www.margheritadisavoia.com/

 

 

ENG

 

Margherita of Savoy and its Salt Flat have a unique landscape in Italy, lush and harsh with creative stimuli, chosen this year for the Fifth Edition of the Apulia Land Art Festival, that will take place on 8-9-10 September 2017. In particular, the Margherita of Savoy Salt Flat is the largest in Europe and the second in the world in size.

 

Drawed as it appears today in 1754 by the Architect Luigi Vanvitelli (the same who designed and built, directing the works, the Royal Palace of Caserta), the salt still represents a unique engineering work, and a real monumental Land Art work. It is enough to think that by laying the tanks of which it is composed, the water of the sea, before becoming salt through evaporation with the help of the sun and the wind, runs about twenty kilometers, with the help of the gravitational flow only – that from the beginning to the end is about twenty centimeters.

 

In the twentieth century there was a progressive industrialization of the salt flat, which required the construction of an impressive salt collection warehouse, designed by the famous Architect Pier Luigi Nervi (the same of the Sala Nervi, used for Papal audiences) who designed a futuristic warehouse realized without the presence of bearing columns inside it, a real revolution for the era. Today the salt is harvested in the salt flat every eight years, but when the salina was in full swing this operation was carried out every year. With the disappearance of the State Monopoly, which guaranteed the appropriate price, today, this salt seems to have lost its immense value, nicknamed white gold.

 

Since 1977 the salt flat has become a “Protected Natural Area", hosting many species of birds, including the Pink Flamingo and the Knight of Italy. For that reason the Salina of Margherita of Savoy is one of the most suggestive places in Puglia and beyond. The main feature of the Margherita of SavoySalt Flat is its red color, recalling the big game of the "Spiral Jetty" made by Robert Smithson in 1970 on the Great Salt Lake, perhaps the most outstanding work of the American Land Art. The reason for the red colour is due to the presence of a microscopic monocellular organism, the Dunaliella Saline, rich in carotenoids that in these salt concentration become visible. These monocellular organisms also guarantee the survival of a crustacean, the Artemia Salina, which birds like flamingos feed on aquiring the wonderful plumage which, according to the age and the diet of the bird, varies from pale pink to shimmering orange.

 

Moreover, in the Margherita of SavoySalt Flat, nothing is wasted. Once the salt is produced, in fact, the mother water that remains in the bottom of the basin and the sludge is re-used directly by the Margherita of Savoy Baths. The high concentration of salt, bromine and iodine content make the mother water particularly effective in the prevention and treatment of various gynecological, dermatological, ear, respiratory and osteoarthritis disorders. Sludges, matured through prolonged contact with the mother water for decades and mineralized by the deposition of the salts contained therein, are practically inexhaustible due to the vast extension of the salt flat.

 

 

More useful info on http://www.margheritadisavoia.com/

 

 

Salina di Margherita di Savoia/Sal Flat of Margherita di Savoia

 

 

Acqua della Salina dal tipico colore rosato/Coloured Red Salt Water

 

Montagne di sale/Salt Mountains

 

 

contentmap_module
Margherita di Savoia
Coordinate GPS:
41.3749476,16.1467824

Apulia Land Art è certificata da: